Robert Von Hagge

Assegnare a uno degli architetti di campi da golf più famoso al mondo, la realizzazione del progetto St. Anna è stata per Mario Valle l’inizio del coronamento del suo sogno. Robert Von Hagge, nato in Texas nel 1927 e deceduto nel 2010, ha progettato, realizzato o modificato con lo studio che dirigeva “von Hagge, Smelek & Baril” oltre 250 campi in tutto il mondo, tra cui il celebre Blue Monster al Doral di Miami, il Golf National di Parigi (sede della Ryder Cup 2018), il Les Bordes sulla Loira (valutato tra i migliori 3 campi europei), Is Arenas e Bogogno in Italia (tutti i campi di Robert von Hagge nel mondo). Carismatico e con portamento quasi nobiliare, von Hagge ha realizzato tutti i suoi campi con particolare attenzione alle diverse tipologie di giocatore: buoni giocatori, di medio handicap e neofiti; sensibile quasi all’estremo all’estetica del design, modella però il paesaggio e la sua naturale morfologia, mantenendone intatte molte delle caratteristiche. I suoi campi sono pittoreschi; Robert ha sempre cercato la bellezza nel design come un obiettivo fondamentale. Ha studiato perfino le ombre degli alberi e delle ondulazioni del terreno in diversi momenti della giornata per capire l’effetto artistico che avrebbe sul giocatore. L’immagine del campo di St. Anna, con i deliziosi giochi di ombre e di chiaroscuri, alla luce del sole basso della sera, non può che rimanere nei ricordi più belli di tutti i nostri giocatori.
Ogni colpo su un campo di von Hagge è diverso. Disse infatti: “ Un golfista gioca davvero circa undici minuti in una partita: il lavoro del designer è quello di rendere piacevole il resto del tempo che viene trascorso tra i colpi. Il giocatore deve pensare, tra i colpi, ‘Caspita! Quanto sono fortunato a poter giocare qui’.

url-1
imgres